sabato, luglio 26

citazioni

"In Italia, vi diranno che non bisogna giudicare le condizioni del paese dal numero della gente che si vede nei ristoranti, perché quelli sono i ricchi o gli arricchiti".
Mary McCarthy (anni 50)



"In Italia non c'è crisi. I ristoranti sono pieni".
: : : (anni 2000)

Come evolvono i tempi!
un certo signore avrebbe minato le certezze italiane della McCarthy, lei avrebbe pensato che il tizio o non fosse  italiano o non capisse nulla della situazione del paese.

giovedì, luglio 24

Renzi il fascinista, il fascino del nulla

Chi nasceva o cresceva durante il Ventennio, poco capiva dell'alternativa al Fascismo, cioé la democrazia, non avendo vissuto gli ideali progressisti. Solo i "vecchi" sapevano, i coetanei dei caporioni del regime. Il partito fascista puntava sui giovani, ripudiava tutto quello che era "vecchio". I giovani dovevano rottamare il passato, distruggere tutto per creare il nuovo. Velocità, velocità, rinnovamento, alzavano la bandiera del Futurismo, il nuovo che avanza. Ma il nuovo era l'ignoranza, distruggere il vecchio era la distruzione della memoria, dei testimoni consapevoli della storpiatura fascista; i giovani non dovevano sapere, la loro tabula doveva essere rasa, dovevano conoscere solo gli insegnamenti di regime . Dalla cancellazione della memoria alla cancellazione fisica degli uomini, non c'era differenza, da Matteotti a Gramsci.

Il "simpatico" Renzi, cresciuto all'ombra del ventennio televisivo berlusconiano, usa lo stesso linguaggio politico degli avi fascisti (dimostrandosi in verità più vecchio dei vecchi). Rottamazione, nuovo che avanza, giovani al potere... come se i giovani fossero garanzia di democrazia. La democrazia la possono dare i saggi, gli antichi esempi, i vecchi con l'esperienza degli anni, ma anche giovani con una poderosa cultura alle spalle. Ma  Renzi  si è cibato della cultura berlusconiana e non è andato oltre una ruota della fortuna e un talk show e una Boschi non  arriva all'altezza di un giovane Gobetti nonostante  l'aiutino del tacco 12. La democrazia in Italia si è retta su quei vecchi che avevano conosciuto il fascismo. Oggi la memoria langue e i renziani con a capo il loro giovane assetato di potere, seguono la strada della dittaura 3.0, senza rendersene conto, perché il nuovo che avanza non ammette di guardare indietro, di conoscere la storia, i corsi e i ricorsi, di fare uso dell'esperienza degli anni che non hanno o di consigliarsi con chi ne sa di più, tanta è la loro brama di cancellare.

lunedì, luglio 7

Per tedio, per sonno e per inganno. parte 3 (o 4?)

Si aggrappò alla gamba e andò su di giri. "Sente l'odore di femmina"
"Solo il mio?" "Si vede che tu lo sprigioni di continuo". Da quando era andata ad abitare lì, l'accoglieva sempre così.
...
"E tu credi che con questo ritmo porterai a termine questo scritto?"
"Perché no?"
"Ti ci vorranno mille anni!"

mercoledì, giugno 11

titola il post ma anche no

...FONDAMENTALMENTE MI SONO... r. il c.

domenica, maggio 25

Un eroe dei nostri tempi

”Sono un esempio di eroismo per la nostra Patria, per la battaglia di libertà, che è l’attività più nobile e alta che si possa fare”

ps : 
sono: prima persona singolare

E così anche l'immedesimazione nel giudice Falcone, nei giorni della commemorazione, è servita.

Da affiancare agli altri eroi che hanno segnato la storia della libertà e legalità, tra i quali
Salvo D'Acquisto, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, il martire della giustizia Rosario Livatino e altri grandi eroi tra giornalisti giudici sindacalisti e martiri del nazismo
E ultimo ma non ultimo, il grande martire di libertà Silvio Berlusconi, fulgido esempio per le nuove generazioni.

lunedì, maggio 19

I patetici bluff della politica italiana

A qualche giorno dalle elezioni europee azzardo un pronostico.
Renzi si è convinto di avere la maggioranza del paese perché è diventato presidente del Consiglio, obliando che lui, i voti non li ha mai presi. Il piccolo bluff, di cui egli stesso è vittima,  non passerà alle urne. Nessuno ha mai dato voti a Renzi e non si capisce perché li debba dare adesso (Bersani era un'altra cosa).
Berlusconi ormai è un  morto che cammina, politicamente parlando; anche lui è autoconvinto di avere di diritto la maggioranza senescente delle penultime elezioni, (l'ultima l'ha cancellata dal curriculum); si tratta di riprendersela e punta sugli over 70 con  basso grado di istruzione, ovvero la nicchia di maggioranza degli elettori, promettendo l'impossibile, le minime a 1000. Ma a parte lo zoccolo duro delle "telenovelliste", la maggior parte di quegli elettori non gli crede più, a loro ci sono voluti 20 anni per carpirne il bluff. Ma forte della sicurezza dei sondaggi, che lo da in caduta libera, ha già preparato la scusa del tracollo: milioni di voti persi a causa delle schede annullate per la scritta sul rigo di preferenza "Berlusconi".
Grillo promette la distruzione di massa di questa classe politica magnona e poltronifera, che è il desiderio del grande popolo degli astensionisti e dei "misonorottolescatolediquestiavvocatidellapolitica". Perché gli Italiani dovrebbero difendere lo statu quo?
Un'idea di come andranno queste elezioni me la sono fatta.

martedì, maggio 13

Know English

-Li vedi questi?
Si riferiva ad un gruppetto di vocianti ragazzini, che camminavano nella nostra stessa direzione, appena scesi dal caratteristico pulmino giallo, e diretti verso la scuola a poche decine di metri,  tra una battuta e uno scherzo, risate e scambi di oggetti misteriosi.
-Così piccoli e già conoscono l'inglese...
-E grazie al ca... e cosa significa?
-Niente, così per dire... però è un dato di fatto.