sabato, giugno 19

Marchionne for Polonia

Amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, se gli operai per mantenere il posto devono mettersi sullo stesso livello degli operai polacchi, sia egli stesso di buon esempio, prendendosi la cittadinanza polacca, e trasferendosi, come del resto già molte catene di montaggio Fiat, in Polonia, e adegui il suo stipendio secondo quel tenore di vita, sino alla fine della crisi, cioé per sempre. E magari si porti anche qualcuno della nidiata Agnelli... che fa sempre bene...
Niente male, la manovra finanziaria di questo attuale Governo, per arginare la crisi economica, non intacca di un centesimo i capitali dei componenti della Confindustria. Dice che è tutto a debito degli statali, ad esclusione degli onorevoli deputati, che non sono statali. Così personcine come i Montezemoli le Marcegaglie i Marchionni, tanto per fare i nomi più dirigenziali, non cacciano un euro, come se la crisi non fosse per colpa loro, che i capitali se li vanno a crescere all'estero, ma poi in Italia cercano gli acquirenti. Gianni Agnelli sapeva molto bene quello che faceva quando decise che era giunto il momento, ai primi anni 90, di far scendere in campo una faccia da culo, che difendesse i diritti dei "poveri" imprenditori miliardari, malvessati dalla Giustizia, la quale non si faceva più i fatti suoi. Questa straordinaria faccia come il culo, paladino dei ricchi, è il campione che esiste e resiste da vent'anni, sopravvissuto al suo stesso creatore. Silvio Berlusconi, per rispondere alle iniziali critiche della Confindustria sulla manovra, consigliò loro di leggerla, perché era convinto che non l'avessero letta. Infatti, dopo averla letta, nessuno di loro mosse più un lamento. Appunto, la manovra non metteva le mani nelle tasche degli Italiani miliardari, come lui aveva promesso, ma dei poveracci. Una volta stabilito ciò, la Marcegaglia ha pregato il Parlamento di non "spolpare" la manovra, cioé di non incominciare a sbucciare la mela; facile fare i rigorosi con le chiappe degli altri (Ricucci pensiero). Ordunque, questo curioso Governo, invece di prendere le difese degli operai di Pomigliano... di Termini... è dalla parte della Fiat, e poco ci manca che consideri questi operai alla stregua di mantenuti scansafatiche. Del resto, come si sa ormai, Agnelli per questo lo mise in gioco... Questi sono i tempi che viviamo, ora, solo ora. Tutto ha un termine, è solo una questione di tempo.
██
██
██
██

██
██
██
██
██
██
██
██

██
██
██
██
██

██
██
██
██
██

█████

1 commento:

ALEPH ha detto...

Sto leggendo ' Hanno tutti ragione'', di Sorrentino...probabilmente mi sto facendo contagiare dal nichilismo napoletano. In ogni caso mi sto divertendo un mondo. Quel divertimento con sottofondo di malinconia, se capisci cosa intendo, boh.