mercoledì, ottobre 22

Le perle di Silvio

antidemocratico occupare luoghi pubblici per dimostrazioni di protesta e sciopero contro lo Stato. Darò disposizioni affinché le forze dell'ordine intervengano"
È anti-democratico occupare un luogo pubblico per protestare contro le cose pubbliche???
Allora si possono occupare luoghi privati? va bene qualche villa in zona Macherio?

Anti-democratico? io spero che, a parte l'ignoranza del suddetto sul significato, del tutto personalizzato, di DEMOCRAZIA, stia ben attento a non provocare un '68? Liberare le scuole dagli studenti sarà altamente democratico... ma gli studenti non arrivano a tale cima di Sapienza.

Da Dagospia. Al bouffet napoletano, Silvio ha pregato Mara di mangiare, 'che è troppo magra, ed ha invitato il suo nutrizionista a tenerla sotto osservazione, invito respinto, ma almeno ha sollevato il problema. Finalmente una voce fuori dal coro silenzioso dei ruffiani adulatori.

7 commenti:

Kaishe ha detto...

Oggi non è giornata adatta a commentare... ma mi fermo a salutarti con grande piacere.
Tutto bene, caro Fabio?
Lo spero!
... e ti abbraccio!!!

airens ha detto...

mi associo a kay:meglio non commentare!Sennò qui va a finire che mi scappano i cavalli,dico quello che penso senza filtri e la polizia postale democraticamente come minimo ti chiude il blog!

Albert1 ha detto...

A volte ritornano...
Ciao a tutti, innanzitutto!

Questa storia delle "derive antidemocratiche" mi suona un po' forzata. Mi sono sorbito le due conferenze stampa (Berlusconi-Gelmini e Veltroni-Fioroni) e non mi sembra di aver sentito nulla di "antidemocratico" nella prima, così come credo di aver colto alcune inesattezze nella seconda.
Berlusconi ha semplicemente affermato di non essere intenzionato a tollerare l'occupazione delle scuole e delle università, mentre Veltroni lo accusa di voler impedire la libera manifestazione di pensiero dei cittadini.
Ora, non è per essere pignolo, ma a me sembrano due cose molto diverse tra loro: l'occupazione in quanto tale configura almeno un paio di reati oltre a negare l'esercizio di due diritti. Il diritto al lavoro per docenti ed operatori scolastici e il diritto all'istruzione per gli studenti. La manifestazione, invece, è una sacrosanta e mai negata forma di protesta civile.
Adesso, non mi pare che Berlusconi abbia minacciato di impedire le manifestazioni: ad oggi, chiunque voglia manifestare si organizza, provvede alle debite comunicazioni, prepara i suoi striscioni e va a fare quello che deve fare.
Altro è impadronirsi di aule, intere scuole, facoltà universitarie e pretendere di ribaltare l'intera organizzazione. Questo è ciò che è stato detto di non tollerare, e non ci vedo nulla di strano.
Insistere su questa linea mi sembra alquanto controproducente, se si continua a gridare "al lupo al lupo" e a lanciare falsi allarmi (accuse che poi non trovano riscontro e cadono nel nulla), difficilmente si riuscirà a fare un'opposizione efficace.

Voi direte: "quale opposizione"?

Ecco, appunto.

scriptamanent ha detto...

Le forze dell'ordine, anche in virtù dell'autonomia scolastica, non possono intervenire se non in caso di sommosse violente o chiamati dal dirigente scolastico.
Questo dice la legge. E a meno di un decreto-lampo, non si può eludere. Tutto come sopra quindi.
Questa polemica è montata sulla solita sparata del Silvio, inutilmente amplificata e strumentalizzata. Un'altra sostanziale perdita di tempo che serve a distogliere l'attenzione dal vero problema.

fabio ha detto...

Albert, il Silvio cinese ha detto che abbiamo preso un abbaglio. Persino Maroni non aveva capito il senso delle sue parole. Quindi pericolo rientrato, non permetterà alle forze dell'ordine di penetrare nelle scuole... meno male Silvio n°2 ci garantisce di farsi baluardo dell'incolumità degli studenti dal Silvio n°1. In vero stiamo più tranquilli...
Scriptamanent, tu sei saggia... però il Silvio si è rimangiato quello che ha detto, proprio perché si è alzato un coro di proteste, anche nel centrodestra. Se ci si stava zitti, come tu propendevi lui avrebbe mai smentito?

Albert1 ha detto...

Devo esser sincero, quando l'ho sentito in diretta mi ero immaginato anche io sgomberi forzati delle aule con le guardie.
Poi, però, ho riguardato la conferenza stampa, ascoltato attentamente, ed in effetti non lo ha detto. Lo ha detto senza dirlo, ma non lo ha "detto".
Quindi non si può parlare di "smentita" o di "parole rimangiate", ha solo avuto la furbizia di usare un tono che lasciava intendere senza affermare.
Una cosa è certa: questo pseudo-problema non si risolverà facendo okkupazione (che peraltro non è mai servita a un tubo, ricordiamoci per favore con umiltà ed onestà intellettuale la "Pantera". Che inutile vaccata)...
Comunque, qualcuno mi deve spiegare che cosa si pippa quell'uomo, perchè ne voglio un po' anche io: il pomeriggio conferenza stampa a Palazzo Chigi, la mattina dopo cappuccino e cavallette fritte in Cina con il "best friend" Sarkozy. Ma come cacchio fa ?

fabio ha detto...

Albert, infatti non si spiega... questo sta vivendo a mille, si sta sparando tutte le cartucce all'età di 73/74 anni, non è normale. Ci può restare... no... non voglio dirlo... è cattivo augurio... speriamo che si fermi prima, per il suo bene. Gli auguro altri 3258 anni* di vita, non di più però...

* Gli anni secondo il calendario del pianeta x1458wedK
(è un ottimo augurio)