martedì, giugno 30

Per Elisa

Tra le più affascinanti donne di spettacolo degli anni Ottanta. Una canzone dedicata a quello di cui sotto... alcuni farebbero follie per elisa...




(ANSA) - VIENNA, 30 GIU -Uno specialista tedesco di Ludwig van
Beethoven ha confermato la scoperta dell'identita' della donna
cui dedico' il brano 'Per Elisa'. Il brano ormai leggendario,
per pianoforte, certamente era per la cantante tedesca Elisabeth Roeckl
(1793-1883), sua intima amica. La scoperta e' stata attribuita allo
studioso berlinese Klaus Martin Kopitz che ha condotto ricerche per
anni negli archivi del Duomo di Santo Stefano a Vienna. Il mistero
di Elisa ha impegnato a lungo il mondo della musica."

4 commenti:

Kaishe ha detto...

Fabio, ti piace Alice?
Sai che ha una casa a Lateis, una borgata di Sauris. Cioè dove io vado a fare i campiscuola...
Se ti viene voglia di venire a cercarla, vieni dall'8 al 15 agosto.
Così "becchi" anche me.
Anzi, me mi trovi di sicuro. Lei non saprei.
Io non l'ho mai vista... ma nemmeno mai cercata.
Ciao, caro!

Balua ha detto...

... da bambina mi sono innamorata di questa canzone ..

.. ora apprezzo anche quella di Beethoven!!!

fabio ha detto...

Licia, l'ho annotato, non si sa mai, non per Alice, ovvio.

Balua mi fa piacere che hai apprezzato questa canzone, espressivamente ben interpretata dalla cantante pupilla di Battiato.

Elisa di Beethoven era una donna amata da Ludwig, ora di lei finalmente si conoscono anche le generalità. Meno male che i germanici sono razionali, Leopardi aveva cambiato il nome alla sua Silvia. Elisa è proprio Elisabeth. E nonostante la facilitazione il mistero si è protratto per due secoli.

Elisa di Battiato non è una donna e neanche un uomo...

balua ha detto...

.. è semplicemente geniale e avanti coi tempi..

.. se pensiamo che abbiamo dovuto aspettare IO E LA MIA SIGNORINA per avere una canzone che metaforicamente parla della droga, dell'alcool o comunque del vizio in generale...