lunedì, giugno 1

censura mondiale




Questo documentario - "Citizen Berlusconi" - è stato trasmesso nel 2003 dal canale americano della Thirteen/WNET and PBS. Fa capire come ci vedono dall'estero e da quanto tempo siano consapevoli della reale situazione nel nostro paese.
Da allora è stato visto un po' in tutto il mondo...
ECCETTO nel paese interessato, dove ha subito una incredibile censura trasversale.
Solo quest'anno vedrà chiaro anche in Italia, una piccola rete satellitare:
canale 130 di Sky- il 15 Giugno alle 21.20. Colpisce che siano passati ben 6 anni dall'esposizione dei fatti del documentario e le cose non siano affatto cambiate, ma anzi peggiorate.
Interessante la disamina finale in cui si avverte che in Italia sta accadendo quello che potrebbe succedere anche in altre parti del mondo, una supremazia non più decisa da una competizione di poteri politici ovvero di partiti rappresentativi di elettori ma da poteri economici. Quella che io esprimo come dittatura capitalistica.

Per una pulita informazione dei fatti italiani, basta leggere un po' di rassegna stampa estera.

4 commenti:

ANNA ha detto...

Che pena per il mio Paese guardando questo video! Grazie per averlo postato!

il monticiano ha detto...

Questo stesso video mi è arrivato da un mio nipote l'anno scorso e io l'ho girato ad altri.
Tanto per rinfrescarmi la memoria, se mai ce ne fosse bisogno, mi sono rigustato il tuo almeno un paio di volte.

fabio ha detto...

Il piacere è tutto mio Anna, anch'io come Aldo l'ho visto più di una volta. Di solito gli stranieri capiscono quello che succede in Italia meglio di noi. È una tradizione che ci studino, i più grandi studiosi dei Romani sono anglosassoni, conoscono la storia e l'evoluzione dell'antica Roma meglio di noi. Durante i Gran Tour del 700 e 800 i viaggiatori stranieri lasciavano su carta le loro osservazioni, Diari e lettere che descrivono la società italiana meglio di qualunque storico nostrano dell'epoca. Nel duro periodo fascista, inglesi francesi americani sapevano perfettamente in ch guaio eravamo noi Italiani, prima della guerra Mussolinini già veniva rappresentato come un buffo tragico pagliaccio gonfiato. Ma noi niente, de coccio!

ANNA ha detto...

Già.... proprio de' coccio! :(