sabato, febbraio 16

Grandi comici


"Io sono una risorsa del paese, se gli Italiani vogliono approfittare..."

NON CREDO

ah ah ah

Ma che è? un giacimento petrolifero, una miniera di carbone, una riserva di uranio, un deposito naturale di gas metano, un artista del calibro del Pintoricchio, un luminare della fisica, un economista che ha debellato la carestia in Africa... un bancomat gratuito?

Gli Italiani sono personcine a modo, approfittare per la terza volte della generosa disponibilità di uomo 'sì gentile e altruista, sarebbe segno di maleducazione.

Forse dovrebbe aggiornare il repertorio; sebbene non siano grandi battute, il livello è quello del Bagaglino, probabilmente anche gli autori, sono ormai dei classici e ogni volta che le pronuncia mi fa scompisciare, anche perché quando le dice sembra quasi che non reciti, tanto sta dentro la parte. Peccato, avrebbe avuto un grande successo come comico d'avanspettacolo. Ma a me non è sfuggito il suo valore.
In fondo anch'io ho un debole per lo re degli Unni: "Chi è lo Ree, chi è lo Ree?"
"Ahi ahi ahi! Sei te lo Re, sei te lo Re!"



11 commenti:

astrosio ha detto...

non credo... BUAHAHAHA!!!

Kaishe ha detto...

Sono appena rientrata... e il post vanifica gli effetti positivi di un ritiro di preghiera... perchè scopro che non c'è carità cristina che tenga... a questo figuro auguro tutto il male possibile... anche dopo le ultime offese a Enzo Biagi...

VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lui e chi ha pure il coraggio di difendere le sue affermazioni e la sua squallida persona dicendo per l'ennesima volta che la stampa lo travisa... (...stavolta non riesco a non dirlo!)
Spero proprio che esista la Giustizia...

fabio ha detto...

Usa una logica che secondo me corrisponde ad una patologia della psichiatria. Inverte le parti sino a fare coincidere gli opposti. Per il caso di Enzo Biagi è arrivato a dire che è stato questo ad abbandonare la TV pubblica preferendo un congruo compenso al lavoro, mentre lui cercava in tutti i modi di trattenerlo. Salta unpiccolo 'passaggio' fondamentale della vicenda come le 'clausole' affinché potesse continuare a fare il suo mestiere di giornalista in Rai.
Anche quando Montanelli fu costretto a lasciare "Il Giornale", disse che fu lui a volersene andare e che non fu cacciato.
Alla domanda del direttore del TG1 a TV7 sulle leggi ad personam ha risposto che non ha mai fatto leggi ad personam. Piuttosto si è accorto sulla sua pelle quanto gli Italiani fossero vessati da alcuni casi di malagiustizia e ha provveduto, bel il bene degli Italiani, a mettere le cose a posto!!! Un uomo che ragiona con una logica così ha seri problemi mentali. Seriamente. Tutti quelli che ambiscono al Potere puro hanno problemi mentali. Hitler era un pazzo psicopatico, Putin è quello che tutti noi sappiamo, molto pericoloso, su Bush un velo pietoso. Non sempre ma per la maggior parte dei casi è così. I dittatori per esempio sono quasi sempre dei pazzi megalomani.

fabio ha detto...

Ed i dittatori prima di essere dittatori erano degli uomini politici 'normali', a parte i generali.

Kaishe ha detto...

Beh Fabio... confermi la mia teoria per la quale il figuro è solo da compatire...
Mi chiedo se i suoi adulatori (ma più ancora i suoi familiari) si rendono conto del suo stato mentale...
Non che mi interessi, beninteso!!!

Sulla vicenda Biagia, alludevo proprio a questo ultimo tentativo di offendere qualcuno che non può difendersi... e mi rivedevo davanti il viso della nipote di Biagi che, alla morte del nonno, ha detto con un'onestà intelettuale che ha ereditato dal nonno, che sì, Suo nonno è stato CACCIATO dalla Rai e che ha molto sofferto... e di contrappunto la faccia oramai grottesca del personaggio: lineamenti tirati e attaccattura dei capelli scolpita...

Povero piccolo omuncolo!!!

Kaishe ha detto...

... su Montanelli...
Noi in casa abbiamo seguito il grande "cilindro" da quando scriveva sul "Giorno"... poi la direzione del quotidiano è passata a "straccio Liguori" e non abbiamo retto...
L'abbiamo ritrovato sul Corriere ma poi siamo andati con lui a seguire l'avventura della "Voce di Montanelli"... ricordiamo tutto ciò che diceva di quel "giovane di belle speranze" che gli diceva di stimarlo come se fosse supo padre... e poi non ha esitato a pugnalarlo...

Miei figli sono cresciuti leggendo queste cose... e hanno sviluppato un senso critico... del quale sono estremamente orgogliosa...

Se tutti si informassero anzichè bere solo l'acqua putrida che viene loro offerta...

Vabbè... mi hai fatto pensare a due persone per le quali ho provato grande stima e sincero affetto... peccato che mi hjai fatto pensare anche a una delle figure meno degne del nostro panorama politico...

Ora vado... Buonanotte, carissimo Fabio...

fabio ha detto...

Tra gli storici giornalisti 'fregati' dall'individuo, anche Roberto Gervaso, allievo e amico di Montanelli, anche lui aveva creduto in (...) e all'inizio aveva lavorato nei suoi mass media, prima dello strappo di Montanelli. Gervaso ha spesso descritto la figura di (...) avendolo conosciuto da vicino. Kai, non so se hai mai letto le sue testimonianze.
Considera Berl un uomo privo totalmente di senso del bene pubblico, ogni cosa è rivolta esclusivamente ai propri interessi. Ama il potere e mai può pensare di lasciare le redini a qualcuno che non sia lui medesimo. "Io lo conosco bene", scrive Gervaso. Costui è peggio di quanto noi immaginiamo.

Anonimo ha detto...

Ti basta leggere nero su bianco "SEI FANTASTICO" o devo spiegartelo pure? No vero? Siiiiii??? Cooome si??? Narciso!!!

Kaishe ha detto...

Mi associo all'Anonimo... e te lo scrivo ROSSO su bianco (sai com'è? il nero non mi piace proprio!): SEI FANTASTICO...

Non ho letto niente di Gervaso... ma ora vedrò di colmare la lacuna...

Solo una cosa continua a sfuggirmi: Perchè gli credono???
Io capisco gli altri della sua "specie"... onorano chi ha i soldi e "garantisce" loro un posto al caldo... ma la gente comune...

Sabato ho praticamente "estorto" a un sacerdote (e non commento il loro essere di parte...) l'obiettiva conclusione che tra B. e Fini stanno messi male dalle loro parti... anche dal punto di vista morale...

Indro Montanelli ha detto...

Berlusconi è una malattia che si cura soltanto con il vaccino, con una bella iniezione di Berlusconi a Palazzo Chigi, Berlusconi anche al Quirinale, Berlusconi dove vuole, Berlusconi al Vaticano. Soltanto dopo saremo...IMMUNI, l’immunità che si ottiene solo col vaccino!!!

Kaishe ha detto...

Caro Cilindro...
per curarlo dal suo delirio di onnipotenza, potresti provare a farlo convocare in cielo?
Così sì che ce ne liberiamo!!!