domenica, luglio 26

Giulie' e Terencie e Andreone er murenone

Questa è la versione riveduta e scorretta di un bel racconto d'amore a puntate del blog della simpaticissima Balua, dove ovviamente rimando per la appassionante lettura completa originale, ricca di spunti per la psicologia al femminile.
In questa puntata la nostra eroina romantica Giulietta, della provicia di Siena, dopo varie vicissitudini in Italia, si trova a lavorare nella reception di un albergo in Cornovaglia. Terence ed Andre' sono due istruttori sub al seguito di due coppie clienti dell'albergo.

Era una splendida sera, sul promontorio, seduti davanti al mare di Cornovaglia, la luna le stelle, nulla di meglio per una dichiarazione romantica, Terence parve confidarsi con Giulietta.
T- “Certo che è difficile trova’ quella giusta! Nella mia vita ho avuto solo delusioni, tante donne, nessuna che te capisce veramente come sei fatto dentro, se fermeno solo all’involucro, mai er vero amore!”

G- “Ti capisco, ma… tu non eri di Grosseto?”

T- “Ah, ehm… È mi’ cugino, de ’a provincia de Latina, anche un po’ burino. Così… Ma te stavo a di’?”

G- “Che non trovi l’amore giusto…”

T- “Che me manca? ‘so bbello come er sole, modestamente ci ho un fisico da Dio, ma nun me basta, dov’è la femmina che me fa strilla’ er core, dove?”, scrutava con sguardo ieratico la volta celeste come se la cercasse tra le miriadi di stelle, ma ogni tanto di sott’occhio controllava lo sguardo di Giulietta, per capire se lo ascoltava appassionata.
Giulietta sognante, pensava che era lei la donna della sua vita, che lo capiva e avrebbe fatto uscire di lui la parte migliore. E si strinse di più al suo possente braccio.

G-“Forse è più vicina di quanto tu possa immaginare”.

Terence pensò: “questa è cotta ar punto giusto, quasi quasi ce provo subbito”
T-“Giulie’!”

G-“Sì, Terence?”

T-“Io sento che tra noi c’è quarcosa, non so, er quid, come spiegamme, ce se quajia va!”

G-“Anch’io lo credo!”

T-“E allora, siccome che la vita è breve, bisogna magna’ la mela prima che fa er verme, dovemo coje’ la palla ar barzo, ogni lasciata è perza, cojona l'attimo fuggente… e soprattutto siccome che dopodomani devo parti’, pe’ non riducce all’urtimo giorno … perché non ce provamo?

G-“A far che?”

T-“A fa’ zum zum!”, e accompagna col tipico gesto Oxford.

G-“Non capisco”

T-“Oh, ma sei de coccio, ce fai o ce sei? A scopaaaa’!”

G-“Terence, in amore tutto è concesso, anche darla alla prima uscita, la mia risposta è sì, te la dò”.

Terence pensò: “Ammazza la santarellina! Questa è più scafata de mi’ sorella, quela cretina che co’ ‘a storia de’ tutto è concesso… s’è inculata ‘a epatite, veramente se è inoculata ma a lei è bona anche ‘a prima parola. Aho, me devo preoccupa’? speriamo che nun tiene malatie”, rivolto a lei: ”Anche perché sto senza preservativi e devo ave’ er tempo de trova’ na farmacia de turno, un distribbutore funzionante, un giesse aperto in questo posto de meerda, dove nun se trova manco er cazzo”.

G- “Non preoccuparti, amore, uso la pillola del giorno dopo”.

T-“E ‘sti cazzi?!”

G-“Come?”

T-“Dico, che me fido de te”, e aggiunge col pensiero: ”… co’ ‘r cazzo! questa deve avere tutto l’ abbecedario de i virus, anche l’aiddese. Me ne metto due de preservativi!”

G-“Che bello, mi fido di te, la canzone di Jovanotti, sarà un segno del destino?”

T-“Ma che stai a di’?”

G-“La cantiamo insieme?”

T-“Giulie’, dovemo da scopa’, mica anna’ a Saremo! E poi adesso non ci ho tempo. Devo porta’ quei quattro scemi a fa’ ‘na escursione subbacquea notturna; me pagheno, sennò io li lascerebbe pure affoga’. Vado e quando vegno te apro come ‘na ostreca”.

G-“Sì amore, che poetico e romantico sei, mi troverai ad aspettarti nella mia stanza con la mia perlina. Sarò in fremente attesa”.

T-“Sì sì, frema frema, come dici te. Cia’!

G-“E il bacio?”

T-“Er bacio? Uhm, tie’!

G-“Me lo hai dato sulla guancia?!”, delusa.

T-“Te desidero troppo pe’ sciupa’ subbito er desiderio (e ricazzi, così me mischi come minimo un erpese)”.

G-“Ti amo anche per questo, per il tuo sapere aspettare!”

T-“Sì, ciao ciao e conservame la perlina ar cardo!”



Alle tre di notte Terence si presentò grondante alla porta di Giulietta.
G-“Caro… ma non ti sei tolto neanche la muta?”

T-“Me spojo qui pe’ nun perde tempo, tra ‘n paio d’ore, quelli vojono fa’ ‘n’ ‘artra escursione, li mortacci lora!”
Terence si sfilò la muta, era senza costume. In piedi nudo davanti il letto di Giulietta, già tra le lenzuola.
Giulietta strabuzzò gli occhi interdetta, fissando sorpresa le parti basse di Terence.
Terence era in posa con le mani sui fianchi e le gambe leggermente divaricate, si accorse dello sguardo indagatore di Giulietta: “Che è?”, abbassò la testa per guardarsi l’organo. “Ahò! l’acqua d’’a Cordovaglia è ggelida, e poi ce lo sai che a trenta metri de profondità tutto se comprime, è ‘a legge d’ ‘a fisica, e daglie er tempo de fa’ a decompressione, no?!”

G- “Sai Terence, io non mi sono innamorata di te per il tuo aspetto fisico, per la tua prestanza, il tuo metro e 90 di carne scelta senza grassi, tricipiti bicipiti quadricipiti dorsale trapezio deltoide, la tua tartaruga… nooo, mi sono innamorata del tuo sguardo magnetico, perché ho capito che in te c’era qualcos’altro, oltre l’uomo irresistibile ormonale, qualcos’altro da salvare, da redimere, qualcosa di buono da far uscire...”

T- “Eh, sì capisco... Hai trovato in me, insomma, quer quarcosa in più…”

G- “Ecco, vedi… quer quarcosa in più… quarcosa in meno direi… a Terencie… ma vattene un po’ a fancu’… Co’ ‘sto mezzo centimetro scarso de bottoncino, che te la menavi tanto, manco ‘na tellina d’er mare de Torvajanica apri. E io che ci ho perso pure er tempo. A sogna’ come ‘na deficiente, sotto ‘e stelle, a di' tutte que 'e stronzate su 'a amore, a sognamme 'na scopata co' i controfiocchi. Ora capisco 'a storia de l’involucro, quello che ce sta dendro… perché tutte te piantaveno. Ma va va, nun vale manco la pena de apri’ bottega.”

T- “A Giulie’, e che me lasci così? Senza consuma’, e ‘a perlina?

G-“’A perlina? te la ficchi int’er ... mmmh… vattene va’ prima che me fai diventa’ vorgare”.
Terence mestamente fa per aprire la porta.

G-“A rincojionito, che stai a usci’ nudo? Che me vuoi fa’ licenzia’? arimettete la muta”.
Lo guarda mentre si riveste, scuotendo la testa pietosamente a braccia conserte. Poi ha un’ esclamazione: “ aspetta ‘n po’!”

T-“Hai cambiato idea, me la dai?”

G-“Manco te ce penzi, no, te lascio un’ ambasciata. Va’ a chiama’ il tuo amico, come se chiama? Andre’, quello che sembra ‘n deficiente, ‘che mò la devo spegne' 'sta caldana che ci ho sotto, me sta a carbura’ da stamatina. “

T- “Chi? Andre’, Andreone?

G-“Ah, Andreone se chiama, nun ce lo sapevo”.

T- “Andreone, Andreooone... Sigh, sigh … finisce sempre così”

G- “In che senso?”

T- “Nel senso che quer fijo de ‘na mignotta, co’ ‘a scusa de fa’ er timido, dopo caccia er sorpresone, er murenone che nun perdone… e le spunisce tutte… Mannaggia a me , mannaggia!”
Apre la porta, verso Giulietta dubbioso: “Io glielo dico, però non so se in questo momento è disponibile. L’ho lasciato che se stava a porta’ in camera le due clienti che a mare hanno pescato er murenone e mò lo vojiono assaggia’. Hanno mandato in libbera uscita li due cornutoni a ‘mbriacarse ar pabbe”.

G-“Hai capito ‘sto Andreone?!”

T-“E me sa che stanotte come me rimani anche tu a digiuno, eh eh”, con un sorrisino di rivalsa.

Giulietta si alza di scatto: “Te lo dici te che sto a digiuno, dove c'è posto per tre... come fa quela canzone? (canticchia cercando la sottana)... aggiungi un posto a tavola che c'è un'amica in più... Stasera se magna de fino! murena gratinè!”

T-“Ammappa Giulie’, sei veramente senza fondo. In confronto a te so’ un pischello, e pensa’ che ero io che te dovevo cojiona’… e mò?”

G-(mentre indossa la sottana per raggiungere Andreone e le sue clienti): E mò niente. A Terencie, me dispiace. Che te devo da di’? Va’ a regge' er moccolo a li due cornutoni…che io vado e regge er moccolone alle due zozzone, me sa che domani sarta l'immersione ah ah ah!”

T- “Ma toglime ‘na curiosità, com’è che parli romanesco? “

G-“A boccaloneee! io so’ toscana come lo sei tu”

T-“A Giulie’! Te la posso di’ ‘n’urtema cosa?”

G-“Mmh, di’! Anche se ce lo so già!”

T-“Sei proprio ‘na grandissima z…”

G-“… a te e a tutti li mortacci tuoi accompagnati fino alla quinta generazione! Ne devi ancora da magna' de pane pe’ arriva’ ai miei livelli… magari la trovi una come vuoi tu, che se fa attacca' bottone da te, er bottoncino, magari 'a camicetta d' 'a Barbie eh eh. Ciao Terencie, senza rancore!”

3 commenti:

Kaishe ha detto...

hi hi hi hi hi
Che bello quando trionfa l'amore!!!!!!!!!!

Balua ha detto...

ahahahahahahahahah.. sei troppo forte!!!


... anche se preferisvo fare Biancaneve e credere alle favole! :-)

ALEPH ha detto...

AZZZZZZZZZZ, sto Terence è come n'amico mio! ma proppio uguale uguale, nunnè che lo conosci pure tu?