martedì, maggio 8

Il bipartisan della comicità italiana



Io non capisco come mai Fiorello piaccia proprio a tutti, ma tutti tutti. “È trooppo forte” “Mi fa morire dal ridere” “Reggo solo Fiorello” “Fiorello sei un grande” “Fiorello è il meglio di tutti”.

I politici di entrambi gli schieramenti sono lusingati che Fiorello li imiti. Un comico bipartisan. Io ho una naturale propensione alla diffidenza verso ciò che piace da a un lato all’altro. Vuol dire che qualcosa non va, che un po’ di ruffianeria è insita nella messa in scena dello spettacolo, delle imitazioni. Quando non si è né carne né pesce, forse si è dolce e il dolce ci fa fare delle grasse risate ma non ci dà gli apporti nutrienti per farci vivere adeguatamente. Insomma l’ironia di Fiorello non fa male a nessuno, pulita pulita, depauperata da qualsiasi critica a destra e a sinistra. Fiorello ha scoperto il modo di diventare grande come Beppe Grillo, senza farsi cacciare da nessuno e riuscendo a farsi amare dal diavolo e l’acquasanta. Dante Alighieri, diceva che un uomo che non si schiera, anche solo teoricamente, è un ipocrita e un codardo, o si è guelfi o ghibellini, non si può stare con due piedi in una scarpa e liberamente posarsi dov’è la convenienza del momento. La critica sarebbe aspra se Fiorello fosse un uomo di satira…

Ma no, Fiorello non è un uomo di satira, è un imitatore, un one man show all’acqua di rose. Tastare le olive a Pippo Baudo, a chi fa male, se non al proprietario delle olive. Fiorello è un neutrale, teme di pestare i piedi a qualcuno e si astiene dall’esporre le proprie simpatie politiche, persino quelle calcistiche. Ha una grande stima verso Mike Buongiorno con il quale divide i proventi per una pubblicità, e già questa cosa è una conferma del suo essere insipidamente neutrale. Belle parole per tutti quanti, per La Russa che lo adora, belle parole per Bertinotti che lo adora, belle parole per l’Inter, per il Milan, per la Roma, per la Lazio, per il Borussia Dortmund; baci in bocca a profusione per chi lo fa lavorare. Fiorello lascia le gags aperte alla libera interpretazione degli ascoltatori, ed ognuno ci vede un riferimento su e contro qualcuno. In verità quelle gags non vogliono proprio intendere niente, sono sketch da animatore turistico che cercano di non dispiacere alcun turista pagante, all’interno del villaggio, non lo conosco questo mestiere ma certamente la prima regola è questa. Ok, per Fiorello l’Italia è un gran villaggio turistico, ma fa che ci avesse ragione lui??

8 commenti:

marika ha detto...

Ciao Fabio,
però anche tu non prendi una posizione: a te Fiorello piace o no?

Mary ha detto...

Perché Fiorello, ovviamente, non fa satira alla Luttazzi e alla Grillo.
Mi pare evidente....

angie ha detto...

MA ALLORA LO FAI PROPRIO APPOSTA!!!

Sono tre giorni che cerco di non commentare i tuoi ultimi post perchè mi prendi troppo sul vivo, sul mio pane quotidiano!
Oggi apro e mi ritrovo a leggere dell'unico uomo sulla faccia della terra che la pensa esattamente come me su Fiorello?
Ma daiiii...secondo me ci hanno davvero divisi alla nascita.

fabio ha detto...

Ah ah ah allora, Angie, se è così mi sa che hai proprio ragione tu...
Mamma mia non oso pensare che dirai quando leggerai un prossimo post, non l'ho fatto a posta, però, anzi non ci ho messo neanche impegno, ci pensa già il mondo.
Ehm dovrai preparati a scrivere qualcosa, quando leggerai capirai all'istante.

fabio ha detto...

Marika, vuoi un giudizio sul comico o la persona? Quando metto le due cose sulla bilancia, do molto più peso alla persona. Ed anche se Fiorello è un bravo imitatore e ha esilaranti uscite comiche, io la penso come Dante e come Eco.
Imbonirsi tutti solo per la pappatoia per me è una grande pecca. Anche se non si fa la storia col senno del poi... se Fiorello fosse vissuto nel Ventennio sarebbe stato un ottimo comico di regime. E poi, 'ama' Mike Bongiorno, o peggio, fa finta di amarlo... avrei preferito che avesse baciato in bocca La Russa (anche con la lingua), lo avrei apprezzato di più.

***cecy*** ha detto...

fiorello mi piace ma lo considero solo un "uomo di spettacolo", non so se riuscirò a spiegarmi bene, con questo termine intendo dire che lui recita il copione che in quel momento le viene sottoposto, non posso neanche pensare di affiancarlo al modo di far satira di altrettanto apprezzatissimi da me Luttazzi e Grillo, questi sono uomini colti e "informati", che esprimono il loro pensiero in maniera irriverente degna della miglior satira possibile, sono persone che non hanno paura di esprimere il loro punto di vista perchè forti delle argomentazioni che si portano dietro.... fiorello per tutti questi motivi è per me solo un attore, comico e per questo molto bravo!

CoccòKaishe ha detto...

Passo solo per il giro degli amici ai quali augurare la buonanotte...
A domani...

Sabry ha detto...

Ma ciao!!!!!! Ma come nn me li conosci quei bei figlioli!!! sono un po' particolari eh, xò sn proprio beddi e lui, quello più a destra, canta divinamente!!!
spero vivamente che mi vengano due palle d'accaio.. xò credo ke mi piegherò molto prima.. nn sono forte